San Marino-Gran Bretagna: accordo sulle tasse con Boris Johnson

Il Titano siglerà uno storico accordo fiscale con la Gran Bretagna. Dietro la visita ufficiale che la Reggenza sta svolgendo Oltremanica, è in gioco un’intesa epocale sulla doppia imposizione. Dopo la firma ufficiale prevista per aprile, chi paga le tasse nel Regno Unito non dovrà pagarle a San Marino e viceversa.

Le basi dell’accordo

Un accordo che, frutto di lunghe trattative e abile diplomazia, garantirà al microstato una riconfermata credibilità geo-politica, azzerando l’immagine-zavorra di paradiso fiscale in seno all’Italia. Alla cabina di regia dell’impresa si staglia il console di San Marino nel Regno Unito, l’imprenditore toscano Maurizio Bragagni. I rumor individuerebbero proprio lui, apprezzato esponente dei tories, come l’artefice del trattato in chiusura che lancerà San Marino in nuove avventure finanziarie, forte di una rinnovata affidabilità. Attesi infatti a cascata nuovi riconoscimenti bilaterali in materia fiscale, appena varcata la soglia del 10 di Downing Street che piazzerà sotto i riflettori internazionali il Titano.

La visita a Londra

«Una pietra miliare nella storia delle relazioni tra i due Paesi, che risalgono al 1899», definiscono così dal Palazzo pubblico la visita londinese. Del resto l’Antica terra della libertà non gravita ancora totalmente nell’orbita europea mentre nel regno dell’inossidabile Elisabetta ha avuto la meglio la Brexit.

Intanto i Capitani Reggenti, Francesco Mussoni e Giacomo Simoncini, sono impegnati in una serie di incontri istituzionali. La bandiera della Repubblica sventolava ieri sul pennone di Westminster insieme al vessillo del Regno Unito e dell’Ucraina nel giorno in cui il Parlamento britannico affrontava il dibattito sull’invasione russa in Ucraina.

L’incontro con Boris Johnson

Accompagnata dai Segretari agli Affari esteri Luca Beccari e al Lavoro Teodoro Lonfernini e dal presidente della Commissione consiliare Esteri Paolo Rondelli, la Reggenza si è intrattenuta anche con il primo ministro britannico Boris Johnson. Accolto con favore dal primo ministro il percorso avviato per l’adozione degli accordi in materia di protezione degli investimenti e contro le doppie imposizioni fiscali. In chiusura il premier britannico ha espresso il suo apprezzamento per la posizione assunta dal Titano riguardo al conflitto in corso. Nel corso della visita, è previsto il confronto con lord Andrew Parker of Minsmere, lord Chamberlain, ministro della Real Casa e rappresentante della Regina, che a causa del Covid non potrà presenziare di persona.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui