SAN MARINO. Un uomo di 63 anni è stato trovato morto all’interno del proprio appartamento di Dogana (San Marino), all’incrocio fra la Superstrada e Via Saponai, dagli uomini della Gendarmeria allertati da un parente preoccupato dal fatto che il familiare non rispondesse al telefono dalla sera precedente. La porta era chiusa a chiave e le forze dell’ordine per entrare hanno dovuto forzare la serratura (compito affidato al personale della Sezione antincendio della polizia civile). L’ipotesi più probabile è che l’uomo sia stato colto da un malore improvviso e fatale, ma non è escluso che il magistrato possa disporre degli accertamenti più approfonditi rispetto alla semplice ispezione cadaverica. L’uomo, di origine cinese, viveva da tempo a San Marino (nell’appartamento condiviso con un altro inquilino che in questo periodo non si trova sul Titano) dove svolgeva l’attività di medico agopunturista presso un poliambulatorio nella zona di Rovereta.

Argomenti:

cinese

morto

san marino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *