Ci ha messo un po’ di tempo, in effetti, ma alla fine pure il rugby ha “partorito”, tutto in un colpo, il nuovo protocollo per la ripresa dell’attività agonistica, le date di inizio campionati e i gironi. Vediamo quindi come sono andate le nostre, ovvero il Romagna (serie A), l’Imola (serie B) maschili e il neonato Castel San Pietro in serie A femminile.

Il Romagna Rfc al Sud

In serie A (partenza domenica 8 novembre e ultima giornata il 30 maggio), ci saranno tre gironi da 10 squadre ciascuno.

Le prime classificate accedono a una Pool Promozione con partite di sola andata (in campo 16, 23 e 30 maggio). La vincitrice di questa Pool è campione d’Italia serie A 2020-21 e promossa al Campionato Italiano Peroni Top10 2021-22. Le ultime di ciascun girone accedono a una Pool Retrocessione con partite di sola andata (16, 23 e 30 maggio). Retrocedono in B le ultime due della Pool.

Il Romagna Rfc è finito nel Girone 3 (tosto e geograficamente sfavorevole) con Noceto, Pesaro, Perugia, Rugby Club I Medicei, Cavalieri Prato Sesto, Civitavecchia Centumcellae, Rugby Napoli Afragola, UR Capitolina e Amatori Catania.

Imola, obiettivo salvezza in B

Quattro gironi su base geografica, tre da 12 e uno da 11 squadre. Si parte il 15 novembre e conclusione il 13 giugno. Le 4 vincenti accedono alla Fase Promozione, con play-off di andata e ritorno (6-13 giugno) per i 2 posti in A. Le ultime dei 4 gruppi vanno ai play-out, con match d’andata e ritorno (A-B e C-D): le perdenti scendono in C insieme alla squadra sconfitta nella finale play-out. L’Imola Rugby è stata inserita nel girone 2 con Parma, Valorugby Emilia, Modena 1965, Lions Amaranto, Jesi 1970, Florentia, Livorno, Ur Capitolina, Cus Siena e Highlanders Formigine.

Marche e Abruzzo per le nostre di C

In C (15 novembre-13 giugno) Faenza e Forlì sono state messe insieme nel girone E con Rugby Lyons, Bologna 1928, Noceto, Reno Rugby Bologna, Pescara, San Benedetto, Banca Macerata Rugby, Abruzzo Rugby, Ur Anconitana e Fano. La prima classificata di ogni gruppo (8) accede alla fase nazionale, con match d’andata e ritorno e la vincente sale in B (il girone E incrocia con l’F di umbre, toscane e sarde), l’ultima retrocede in C2.

C’è il Romagna in A donne

Nella massima categoria femminile, la A, oltre al Romagna, c’è la novità Castel San Pietro. Entrambe sono nel Girone 3 con Riviera Mira, Verona, Fifteen Wilds All Bluff Modena, Rebels Vicenza e Villorba 2. Si inizia il 15 novembre e finale scudetto il 6 giugno: la prima del Girone 1 (meritocratico, le migliori d’Italia al via) accede direttamente alle semifinali. Seconda, terza e quarta del Girone 1 vanno ai barrage con le prime degli altri tre gironi per i restanti tre posti in semifinali. Non sono previste retrocessioni.

Argomenti:

faenza

romagna rfc

rugby

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *