Rufus Wainwright a Rimini, delicate emozioni

Rufus Wainwright a Rimini, delicate emozioni

RIMINI. Che sia dotato di grande talento lo si intuisce subito, dalle prime note di “The art teacher”. Da solo, con il suo pianoforte a coda o una chitarra, Rufus Wainwright, l’americano cresciuto in Canada (oggi vive a Los Angeles) ascoltando l’opera e i Nirvana, zittisce la Corte degli Agostiniani di Rimini, dove lunedì sera 29 luglio ha tenuto il secondo e ultimo dei suoi concerti italiani dopo quello di Roma (era già stato a suonare al Velvet di Rimini nel 2005 come supporto ai Keane). Gioviale, sereno, con la voglia di raccontarsi, per un’ora e 45 minuti non si ferma, proponendo una performance intensa e mai banale, sostenuto solo dalla sua voce limpida e intonata come poche. Non per niente tra i suoi riferimenti, oltre a Verdi e Puccini, cita la nostra Mina, che vorrebbe cantasse la splendida “Early morning madness”, nuovo brano che sarà inserito nel prossimo disco, il nono, in uscita ad aprile 2020 con il titolo di “Unfollow the rules”, suggeritogli da sua figlia Viva. Tra i momenti più emozionanti della serata, il suo “Gay Messiah”, che gli causò contestazioni bigotte a Sanremo nel 2014 (ma lui ci ride su e invita al Gay Pride), e “Going to a town”, che fu cantata anche da George Michael. Ma anche la conflittuale “Dinner at eight”, dedicata al padre, il cantautore Loudon Wainwright III: «Non essere sorpreso se voglio vederti in lacrime» canta Rufus. Poi naturalmente gli omaggi a Leonard Cohen, con la classica “Hallelujah” e soprattutto con “So long, Marianne”. Finale struggente con “La complainte de la butte” dalla colonna sonora di “Moulin Rouge”, e molti applausi da un parterre attento e partecipe.

[meta_gallery_slider]

LA SCALETTA

The Art Teacher
Vibrate
Nuova canzone
This Love Affair
Out of the Game
Jericho
Peaceful Afternoon
Nuova canzone
Early Morning Madness
Poses
Gay Messiah
11:11
Only the People That Love
So Long, Marianne
Hallelujah
Going to a Town
Matinee Idol
Candles
Cigarettes and Chocolate Milk

BIS
Dinner at Eight
La complainte de la butte

Argomenti:

Avatar
About the Author

caposervizio Spettacoli e Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *