Rubano migliaia di euro a un’anziana con una truffa: la Polizia li scopre a Cesenatico

Nel tardo pomeriggio di venerdì la Polizia di Cesenatico ha intercettato una Fiat 500 di colore verde segnalata per trasportare soggetti sospettati di compiere truffe ai danni degli anziani. Nello specifico, gli occupanti del veicolo sono ritenuti responsabili di aver messo a segno nelle Marche nei giorni scorsi, una truffa ai danni di una signora sottraendole alcune migliaia di euro. Gli occupanti della autovettura avrebbero simulato un incidente stradale occorso al nipote della malcapitata facendole credere che lo stesso si trovava ricoverato in ospedale ed aveva bisogno di denaro per risarcire la controparte.

Il veicolo, grazie all’intuito dei poliziotti, è stato agganciato nella zona centrale di Cesenatico mentre percorreva, a bassa velocità, una via parallela al lungomare Levante e seguita per qualche tempo, con l’intento di accertare le intenzioni degli occupanti.

Al momento propizio, il mezzo è stato fermato e gli occupanti sottoposti a controllo. Gli stessi, entrambi di origine campana di 37 e 34 anni, con alle spalle numerosi reati contro il patrimonio, la persona, truffa, furto, violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, rapina, ricettazione, contraffazione e commercio di oggetti con segni falsi, hanno finto di essere sorpresi dall’attenzione dei poliziotti.

Per il prosieguo delle indagini, entrambi sono stati sottoposti a verifica ed a rilievi fotodattiloscopici. Al termine dei riscontri i predetti sono stati deferiti all’autorità giudiziaria per truffa in concorso ed i relativi atti sono stati trasmessi ai colleghi marchigiani per il prosieguo delle indagini per i delitti ivi commessi.

Per quanto riguarda questa zona di competenza, dagli accertamenti effettuati, sembra che grazie al pronto intervento della Polizia di Cesenatico, gli occupanti della Fiat 500 non siano riusciti a compiere atti illeciti.

In totale nella settimana sono stati oltre una decina i posti di controllo effettuati dalle volanti di Cesenatico che hanno fermato circa una settantina di autovetture con il controllo di circa 120 persone tra cui 15 stranieri. In tre casi gli agenti hanno elevate contravvenzioni al Codice della Strada per mancanza di revisione dell’autovettura e per comportamento pericoloso alla guida del veicolo per altri due automobilisti.

Sono stati tre i reati scoperti; due furti ed una violazione alle norme previste dal Testo Unico sull’Immigrazione a cui si aggiungono i due indagati per truffa in concorso.

Sono proseguite anche questa settimana le corse del traghetto da e per la Croazia che hanno impegnato gli agenti di Polizia addetti al controllo di frontiera; tutto è filato liscio se si esclude qualche smemorato che si è presentato all’imbarco sprovvisto di Carta di Identità o con il documento scaduto. In questo caso, gli agenti sono stati costretti a non far partire il malcapitato che ha dovuto rinunciare alla gita in Croazia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui