Rotatorie di Rimini ai grandi del cinema Pasolini e Gassman

Circolando attorno alle rotatorie della città o passeggiando in qualche area verde, saranno sempre di più le occasioni per incrociare per la strada i nomi dei grandi intellettuali che hanno segnato la storia del Paese e di Rimini.

Un omaggio al mondo del sapere e della settima arte che passa dalla Commissione Consultiva Toponomastica riunitasi il 20 settembre, all’esito della quale è stato dato il via libera a quattro nuove intitolazioni che denomineranno alcuni luoghi riminesi ancora scoperti da un ‘titolo’ attingendo dall’universo della cultura.

Rotatoria Pasolini

Uno tra tutti Pier Paolo Pasolini, scrittore e regista che non ha bisogno di presentazioni, a cui il Comune di Rimini ha dedicato una mostra al Palazzo del Fulgor per celebrare il 100esimo anniversario della sua nascita e che in futuro darà il suo nome alla rotatoria fra via Giuseppe Melucci e viale Siracusa.

Rotatoria Gassman

Quella tra via Anna Magnani e via John Lennon, nelle vicinanze del Parco Alberto Sordi, riecheggerà, invece, un altro illustre protagonista del cinema, coetaneo del cineasta bolognese: Vittorio Gassman, indimenticato mattatore del teatro e della televisione italiana.

Rotatoria Calamai

La rotatoria tra via Popilia e Rino Beltramini (zona Viserba) spetterà a Clara Calamai, nota attrice sepolta a Rimini, a cui pure è stata dedicata un’esposizione, oltre che una stele nel cimitero, nell’ambito delle celebrazioni indette dall’amministrazione comunale.

Per quanto riguarda l’area verde che si trova tra via Giovanni Battista Casti e via Michele Moretti è stata optata l’intitolazione ‘Parco Pietro Cafa e Girolamo Soncino’, prototipografi del XVI secolo. Più nel dettaglio, Pietro Cafa fu lo stampatore che impresse a Rimini il primo libro a stampa coi caratteri mobili del grande magontino Giovanni Gutenberg. Girolamo Soncino, che è considerato il più grande stampatore ebreo di tutti i tempi, ha invece onorato la nostra città con una ventina di titoli in ebraico, in latino e in volgare, dal 1520 al 1527. Tra gli aspetti degni di nota, è interessante sottolineare che i Soncino hanno stampato per primi la Bibbia completa in lingua ebraica.

L’iter burocratico

Tutte queste intitolazioni, ora, prima di diventare fattive, attendono di essere sottoposte al vaglio della Prima Commissione Consiliare e infine, come ultimo passaggio, a quello della Giunta comunale.

«Rimini è una città che investe sempre di più sulla cultura e lo fa anche attraverso la toponomastica – commenta l’assessore comunale Francesco Bragagni – che rappresenta un tassello importante per tenere viva la memoria di alcuni importanti personaggi che ci hanno lasciato e per far sì che il loro ricordo, così come la loro eredità intellettuale, non cessi di stimolarci e di costituire una fonte di insegnamento».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui