Rockin’ virus: raccolti 100mila euro per la Protezione civile

CESENA. Aperol e Rockin’1000 hanno creato un’enorme band composta da 1200 musicisti che, ciascuno dalla propria casa, hanno cantato e suonato “Una musica può fare” di Max Gazzè. Il risultato è un emozionante video corale realizzato per lanciare insieme una raccolta fondi destinata alla Protezione Civile. La partecipazione a Together we can è stata aperta a tutti, a partire da Rockin’1000 – la più grande rock band al mondo nata a Cesena – estendendo l’invito anche ai musicisti che non fanno parte della community, registrando ben 1215 contributi audio-video.  A fare da sfondo sono i salotti, le cucine, le camere da letto dei partecipanti che, suddivisi in 450 chitarristi, 273 cantanti, 186 bassisti, 162 batteristi, 60 tastieristi, 53 saxofonisti, 20 trombe e 11 tromboni, provengono da aree geografiche tutte diverse: Italia, Francia, Austria, Germania, Belgio, Svizzera, Russia, Argentina, Inghilterra e Tunisia.

Per ogni partecipante Aperol e Rockin’1000 hanno donato 50 euro e, una volta arrivati a mille partecipanti, Aperol ha raddoppiato la donazione.  Sono stati così raccolti già 100mila euro a favore della Protezione Civile: chiunque può unirsi e partecipare alla donazione.

Il video dell’iniziativa Together we can è disponibile a questo link: bit.ly/TogetherWeCanAperolRockin1000


Per partecipare alla donazione:

BIC: BCITITMM

IBAN: IT84Z0306905020100000066387

Intestato a Protezione Civile

Causale: Together We Can

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui