Rocca San Casciano, una stagione di risate, musica e ricordi

«Insieme all’Amministrazione comunale di Rocca San Casciano, abbiamo pensato a una programmazione che tenga insieme vari generi della narrazione di storie contemporanee, anche per rendere ancora più vivo e attraente il cartellone di quest’anno pur in un periodo problematico come quello che stiamo vivendo».

La fatica ma anche la sfida che il Covid pone ormai da quasi due anni al mondo dello spettacolo dal vivo traspaiono dalle parole di Giancarlo Dini, direttore artistico di DireFare sas che organizza la stagione del teatro Italia. Una sfida, certo, e una ricerca di sollecitazioni e spunti di interesse per i diversi pubblici.

Ecco allora che a Rocca San Casciano il primo invitato, mercoledì 8 dicembre è il comico Andrea Vasumi con uno spettacolo che ha già avuto molte soddisfazioni nelle stagioni passate. “Togliti le mutande che ti devo parlare” è un viaggio surreale e divertente nella storia della “chiamata” di Vasumi al mestiere di comico.

Sabato 18 dicembre è la volta di Marco Ballestracci con “La sedia nana”, un omaggio al leggendario Glenn Gould a 30 anni dalla scomparsa.

Francesca Sarteanesi e Luisa Bosi sono le interpreti di “La Bella Bestia” (sabato 22 gennaio), improbabili e a tratti assurdamente esilaranti storie di incontri (forse, veri) con uomini conosciuti in chat.

“Il boom” con Max Paiella è la proposta del 18 febbraio: un viaggio musicale sulle nostre origini artistiche, sociali, persino politiche, con una scenografia magica e fortemente evocativa.

Il giornalista Vincenzo Mollica è ospite del teatro Italia sabato 12 marzo con “Prima che mi dimentichi di tutto. Chiacchiere e canzoni con la comicità musicale di Fabio Frizzi”: un protagonista del giornalismo nazionale del mondo dello spettacolo, decide di raccontare ciò che ha vissuto, gli incontri, le esperienze di oltre trent’anni di carriera. Accompagnato dalla voce di Fabio Frizzi, Vincenzo Mollica narra così del rapporto con Fellini, con Mastroianni, Battiato, Paolo Conte, Andrea Pazienza e tanti altri.

Conclude la stagione, il 25 marzo, Peppe Servillo con il fortunato “Il resto della settimana”, in cui il popolare cantant-attore è accompagnato dalla musica dal vivo di Cristiano Califano. La pièce, tratta da un racconto di Maurizio De Giovanni, prende per mano lo spettatore e lo accompagna in mezzo alla vita, alle passioni e alle paure di quel caleidoscopio che è Napoli.

Tutti gli spettacoli hanno inizio alle 21.15. Ingresso: 12-10 euro.

Info e prenotazioni : 338 3169741

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui