Risse tra gang: sos dei residenti a Cesena

L’alcol lo acquistano in abbondanza ed in rivendite sparse tra la stazione ferroviaria e la Barriera. L’hashish lo consumano all’aperto e come zona prediletta hanno il parco adiacente a vicolo Del gasometro. Per sniffare cocaina ci sono i bagni dei locali pubblici più vicini. Poi, una volta fatto “il pieno” la strada diventa teatro di violente colluttazioni. Tra danni alle vetture in sosta, bottigliate bastonate e sangue a terra. Fino all’arrivo delle forze dell’ordine chiamate dai residenti disperati.

La tarda serata di giovedì (documentata dal Corriere Romagna in un video) ha chiuso una triade di nuove violenze nella zona di vicolo Del Gasometro. Con i residenti che sono ormai all’esasperazione.

La protesta

«Noi continuiamo a chiamare le forze dell’ordine ed a filmare quanto succede dalle nostre finestre. Subiamo anche danni ai condomini ed alle auto in sosta. Urlano si inseguono e si picchiano per motivi tutti loro ma facilmente immaginabili. Noi abbiamo anche fatto un esposto alla procura e continuiamo ad assommare denunce. Ma serve prendere dei provvedimenti. È impossibile che queste bande di balordi possano continuare a farsi del male ed a seminare panico e danni in zona senza che possano essere fermati».

Tris di episodi

Giovedì, nella stessa zona dove alcune settimane fa la violenza era sfociata in coltellate, gli scontri sono stati in tre orari diversi e con una prevalenza di bottigliate tra i protagonisti. Fino a sei persone coinvolte tra chi si picchiava e chi cercava di separare contendenti. Nel cuore del pomeriggio alcune bottigliate hanno raggiunto e danneggiato delle auto in sosta. Nemmeno il tempo di scoprire i danni che alle 20.30 c’è un nuovo scontro con molteplici protagonisti che si inseguono e si lanciano oggetti, spaccando anche tavoli di plastica di un vicino bar. Vengono chiamate le forze dell’ordine che arrivano sul posto. Sia i carabinieri che la polizia. Molti dei protagonisti fuggono verso la stazione e fanno perdere le proprie tracce. Due vengono intercettati. Non erano tra i principali protagonisti dell’accaduto. Sono poco più che maggiorenni, stranieri e vengono portati in caserma e denunciati. Motivo: non sono in regola col permesso di soggiorno. Per loro vengono attivate le procedure che dovrebbero portare alla futura espulsione.

Sangue e danni

Il peggio avviene quando, dalle 22.30 circa, inizia il “terzo tempo”. Anche perché in quel momento le forze di polizia sono impegnate in altri interventi e non possono arrivare subito sul posto. Sei persone allo scontro, con alcuni che cercano di fare da pacere e arrivano a ferirsi lasciando tacce di sangue ovunque. Il tutto viene filmato dai residenti e le immagini saranno poi consegnate a polizia e carabinieri. Viene divelto un lampioncino dell’illuminazione in uno dei condomini e frantumato a terra. Oltre alle tracce di sangue ci sono cocci di vetro ovunque dopo i lanci reciproci tra le bande che si sfidano. È lo scenario al mattino è quello «Tristemente consueto» spiegano i residenti. Pronti denunciare un’altra volta e desiderosi di essere liberati dall’oppressione dei vandalismi impuniti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui