Rio Salso, Agrivetur dopo il Tar: «Ripristino concessione»

È tranquillo e rilassato Marco Franolich, di Merano, direttore di Agrovetur che gestisce l’Azienda faunistico venatoria di Rio Salso. La sentenza del Tar ha annullato delibere e provvedimenti e Franolich si attende il reintegro dell’Afv.

«Ma sembra normale – chiede il gestore – che dopo tutte le richieste di rinnovo delle concessioni (avviate fin dal 2016-2017, ndr) la risposta arrivi il giorno di Natale (2019, ndr) e il 31 ti dicono che il giorno dopo devi aver liberato. Se c’era tutta questa urgenza in questo anno e mezzo – due cosa è stato fatto, al demanio cosa ne è venuto? La nostra gestione portava al demanio minimo 22-23.000 euro all’anno di canone, oltre ad altri 7-/8.000 euro che Agrovetur riconosceva ad alcuni proprietari dell’area come rimborsi».

Poi parla del futuro: «A questo punto ci aspettiamo che la Regione comunichi il ripristino dell’Afv – continua Franolich -. Noi siamo sempre aperti a trovare soluzioni comuni che possano dare benefici alla popolazione locale, anche se ci è difficile avere fiducia nelle amministrazioni locali. In questo momento è naturale ci sia un po’ di diffidenza. Tra l’altro si è creato un danno, la stagione si è interrotta a metà, i posti e i terreni sono abbandonati, le recinzioni pure. Comunque le porte rimangono aperte, mi piacerebbe coinvolgere il Parco. Avevamo trovato un accordo, avevamo riconsegnato i fabbricati, eravamo disponibili a liberare una parte di superficie vicina agli edifici per consentire il passaggio tranquillo di ospiti ed escursionisti».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui