RIMINI. E’ arrivato questa mattina con pennelli e vernice per tinteggiare la sede dell’Arcigay in via de Warthema. Si tratta della condanna per avere messo in scena un corteo funebre davanti al Comune di Cesena in occasione di una unione civile. Il 57 enne di Forlì, però, non ha gradito la presenza della stampa, si è chiuso all’interno di uno stanzino del Centro antidiscriminazioni e ha chiamato la polizia. E’ finita con l’identificazione dei giornalisti presenti.

Argomenti:

arcigay

condanna

giornalisti

polizia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *