Rimini: zona gialla e assembramenti, scattano i controlli

RIMINI. L’Emilia Romagna torna in “zona gialla” e il Comune richiama tutti a un senso di responsabilità. Ma chi non ci arriva da solo sarà punito. E’ il senso delle parole di Jamil Sadegholvaad, assessore alla polizia locale.

“Il ritorno in zona gialla non è una concessione e nemmeno un premio, ma il risultato della responsabilità delle ultime settimane da parte di chi vive in Emilia Romagna – commenta -. Ora sta a tutti noi non vanificare i sacrifici fatti perché, lo dico esplicitamente, essere in zona gialla non significa assolutamente che siamo fuori pericolo. Il Covid è tutt’altro che battuto e non possiamo lasciargli spazio. Il codice giallo non va percepito come un semaforo verde; l’errore più grande che potremmo fare, ora, è quello di abbassare la guardia. Per questo siamo pronti a intensificare, già da oggi, le attività di prevenzione, controllo e sanzione, al fine di continuare a garantire il rispetto delle norme. Chi trasgredisce le norme non solo commette un illecito, ma mette in ulteriore difficoltà il collega che invece le rispetta, pur tra tante difficoltà”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui