Rimini. Va a ballare e sparisce: ragazzina ritrovata dopo un giorno

Ritrovata nelle Marche la 14enne sparita sabato notte. «Aiutatemi, la mia bambina è sparita nel nulla, ha appena 14 anni». La voce della madre era rotta dall’angoscia, mentre cercava di ricostruire le ore precedenti alla scomparsa della figlia.

«Mio marito ed io l’abbiamo accompagnata alla discoteca Bikini di Cattolica sabato verso le 23.30. Era sola, ma ci aveva rassicurato dicendo che gli amici l’aspettavano già dentro al locale», aveva spiegato la donna.

Mentre scende dall’auto, la ragazza aveva dato appuntamento ai genitori per le 3 di notte e li aveva salutati col sorriso stampato sulle labbra.

Ma la serata ha assunto una piega ben diversa. «Quando siamo tornati a prenderla, non riuscivamo a scorgerla nella folla che si riversava fuori dal locale – ricordava la donna -. Abbiamo aspettano e aspettato, siamo anche scesi dall’auto, mentre il panico saliva, finché alle 4 il Bikini ha chiuso i battenti». Così i due hanno cercato la titolare della disco, mostrandole una foto della ragazzina dalla galleria del cellulare. La donna ricorda di averla vista in compagnia, ma non è riuscita a fornire una descrizione dettagliata dei ragazzi che erano con lei. I genitori non si sono arresi e hanno continuato a mostrare immagini della figlia ai passanti, finché gli addetti alla sicurezza del locale vicino, il Malindi, non hanno riconosciuto la ragazzina e hanno rivelato di averle rifiutato l’ingresso, nonostante le sue insistenza, perché troppo piccola e vestita in modo succinto. Erano le 2.30. Pochi passi sul marciapiede e in una sera d’inizio estate della 14enne ancora imbronciata si perde ogni traccia.

Week end prima degli esami

Dopo averla cercata in largo e in lungo, passando al setaccio la zona, ormai disperati, la madre e il consorte sono risaliti in auto, recandosi a sporgere denuncia di scomparsa dai carabinieri. Il week end di svago prima dell’esame di terza media che attende dopodomani la 14enne aveva ormai assunto i contorni di un incubo. Cercando di restare lucida, la madre aveva fornito una descrizione della figlia. «È alta 1 metro e 67 centimetri, ha un fisico minuto, lunghi capelli biondi e lisci. Porta un piercing a cerchietto alla narice sinistra. Al momento della sparizione indossava un vestitino nero con un unico accessorio: una borsetta color avorio con la catenella, portava un cappellino blu con la scritta NY, ai piedi invece delle Nike bianche».

Il tam tam sui social

L’accorato appello, lanciato dalla mamma, cominciava a diffondersi a macchia d’olio anche sui social rivolgendosi a chiunque avesse notizie utili al ritrovamento. In poche ore le condivisioni sono cresciute al ritmo delle segnalazioni. C’è chi dichiarava di averla vista mentre camminava con i fantomatici amici davanti alla Despar di Misano e c’è chi invece era certo di averla incrociata in zona Altamarea a Riccione.

L’epilogo

In diversi assicuravano infine di averla scorta sempre ieri verso le 10.30 a Pesaro, dove sono accorsi i familiari. «Abbiamo seguito questa pista, – conferma la mamma – ritrovandola a Baia Flaminia verso le 17 (di ieri ndr). Era in compagnia degli amici e di un ragazzino che le piace. Ancora non abbiamo chiarito tutto, ma l’importante è che stia bene».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui