Rimini, usa il fondo di garanzia contro il Covid per comprarsi un camper

Troppo ghiotta l’occasione. Impossibile farsi sfuggire quella “villa” su quattro ruote capace di portare a spasso, oltre a lui altre 8 persone. Il problema, però, era la liquidità necessaria all’acquisto. Problema che l’imprenditore ha risolto presentando l’autocertificazione che gli ha permesso di accedere ai soldi messi disposizione dalla Stato col Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese in difficoltà a causa del Covid.
Purtroppo per lui, però, come da tempo sta avvenendo per i furbetti del reddito di cittadinanza, il Nucleo di polizia economico finanziaria del comando provinciale della Guardia di finanza di Rimini, ha acceso i propri riflettori anche su questa potenziale fonte di raggiro ai danni dello Stato; e per l’imprenditore 59enne originario del Mantovano, è stato l’inizio della fine. Gli investigatori delle Fiamme gialle guidati dal maggiore Roberto Russo, infatti, hanno fornito al pubblico ministero Luca Bertuzzi, le prove per chiedere e ottenere dal gip Benedetta Vitolo il sequestro a scopo di confisca del camper o, in alternativa, della somma indebitamente percepita.


Indagine patrimoniale

Non c’è stato bisogno di un grande lavoro di intelligence per arrivare ad iscrivere il nome dell’imprenditore nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Rimini con l’ipotesi di reato di malversazione. I finanzieri, infatti, hanno dovuto verificare se effettivamente i soldi chiesti con una “semplice” autocertificazione, servissero realmente per fra fronte alle “esigenze di liquidità per gestione spese aziendali” alle prese con i tanti problemi creati dalla pandemia. Hanno così scoperto che l’uomo, senza quell’intervento statale, non avrebbe potuto in nessun modo far fronte all’impegno per l’acquisto del motorhome. Sui conti correnti a lui intestati, non c’era la liquidità necessaria. Tutto questo fino a quando l’8 settembre del 2020 sono entrati i 14.962,50 euro del Fondo di garanzia, somma poi integrata con un ulteriore accredito relativo al pagamento di una fattura. Uniche due entrate accertate dalla Guardia di finanza servite per poter eseguire, come ben specificato nella causale di pagamento, il “saldo acquisto camper Rimor 678 targato…”, veicolo destinato “al trasporto di persone, avente al massimo 8 posti a sedere oltre al sedile del conducente” ed immatricolato per uso proprio specialità “campeggio”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui