Rimini, un successo le “riciclette”, le mangia-bottiglie a pedali

Cinque “mangia bottiglie” a pedali hanno raccolto in pochi giorni oltre 160 chili di contenitori “pet” nelle spiagge di Rimini. Il primo bilancio degli eco-compattatori mobili viene segnalato dai promotori del protetto “Noi gren”, che unisce gli operatori del Consorzio Ristobar Spiaggia Rimini e il Consorzio operatori balneari Marina riminese aderenti a Confesercenti. Le “reciclette”- così sono state battezzate le mangia bottiglie- si trovano in corrispondenza del Bar Souvenir al porto di Rimini, al bagno 26 di Marina Centro, ai bagni Ricci (zona 141-142-143) e all’altezza del Paguro Cafè a Miramare, mentre sulla spiaggia a nord l’eco-compattatore si trova all’Altamarea beach restaurant di Rivabella. “L’iniziativa- spiega Marco Mauri, presidente del Consorzio Ristobar che raggruppa 74 associati- si inserisce in un più ampio impegno per la sostenibilità e per un mondo plastic free da parte di Confesercenti, che intende dare un contributo concreto alla riduzione dell’utilizzo della plastica monouso e alla promozione del riciclo”.

Infatti nei locali degli associati la plastica monouso è stata sostituita con materiali riciclabili. Inoltre, “abbiamo installato gli eco-compattatori- prosegue- per riciclare il Pet e comunicare il messaggio Ricicla-rigenera-riusa”. La spiaggia di Rimini “è stata tra le prime in Italia ad applicare una filosofia plastic-free- sottolinea l’assessore alle attività economiche, Jamil Sadegholvaad- con l’obiettivo di promuovere quelle best practices a favore dell’ambiente e della sostenibilità coerenti con il percorso di innovazione e trasformazione del waterfront”. Tale sensibilità “è stata condivisa con gli operatori di spiaggia- conclude- che hanno dato subito vita ad un progetto dove sono gli stessi cittadini protagonisti del cambiamento”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui