Rimini. Traffico illecito di mille tonnellate di rifiuti, aziende nei guai

Le Fiamme Gialle della Stazione Navale di Rimini, nel quadro dell’intensificazione dei servizi di polizia
economico-finanziaria rivolti trasversalmente alla tutela ambientale hanno svolto, a seguito di attivazione da parte del locale Comando Provinciale del Corpo, una mirata attività di monitoraggio in un ampio contesto territoriale comprendente le province di Rimini, Forlì-Cesena e Ferrara, nei confronti di numerose aziende operanti prevalentemente nel settore dell’edilizia. Il servizio, realizzato all’esito di specifica attività investigativa e attraverso l’analisi dei dati acquisiti, è scaturito
dall’individuazione di un’azienda del riminese che aveva posto in essere un illecito meccanismo di raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali provenienti da lavorazioni edilizie, senza essere in possesso della prevista autorizzazione ambientale. In tale contesto i finanzieri, tracciando i percorsi dei relativi trasporti, hanno individuato un’anomala movimentazione di oltre 1.000 tonnellate di rifiuti, accertando l’irregolarità della condotta nonché un ramificato meccanismo realizzato su una vasta porzione del territorio emiliano – romagnolo da parte di 25 aziende. Quest’ultime, in tal modo, usufruivano illecitamente di vantaggi economici derivanti dalla movimentazione dei propri rifiuti con costi inferiori rispetto a quelli normalmente praticati, causando fenomeni distorsivi del mercato e potenzialmente pericolosi per l’ambiente in quanto i materiali così conferiti erano sottratti ai necessari controlli ambientali. I rappresentanti legali delle citate aziende sono stati segnalati alle Autorità Giudiziarie competenti per territorio in relazione ad attività di raccolta e trasporto rifiuti senza autorizzazione e irregolare gestione degli stessi, in violazione alla normativa del Testo Unico Ambientale, D.Lvo 152/2006; inoltre, sono state elevate sanzioni amministrative per un importo totale fino a 600mila euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui