Rimini, “hai fatto spese in Sud America”: coiffeur nel mirino degli hacker su Facebook

Uno dei più noti saloni da parrucchiere con estetica della città finisce dall’altra parte dell’Oceano. In Sud America. Non si tratta purtroppo di un prestigioso raddoppio di attività con sbarco all’estero per Andrea Staff – quello avverrà fra un mesetto o poco più con una seconda apertura nel Borgo San Giuliano – ma di un assalto hacker al profilo Facebook a opera di un fantomatico concorrente brasiliano. Pirata informatico che non si è limitato a rubare il profilo, ma ha pensato bene di iniziare a svuotare la carta di credito collegata e di passare alle minacce.

Prelievi e minacce

È stato il titolare, Andrea Brugnettini, ad accorgersene praticamente in tempo reale e a correre per fortuna subito ai ripari.

«Verso le 19 hanno iniziato ad arrivarmi notifiche dalla carta di credito, spese da 40 euro l’una ogni pochi minuti. Troppe perché si trattasse di post sponsorizzati, visto che l’avevo associata alla pagina Facebook del negozio proprio per quello. Ho quindi chiamato il numero verde e ho subito bloccata la carta» racconta.

Per tutta risposta si è ritrovato un’altra brutta sorpresa entrando con il telefonino sul social network. «Non solo la pagina era stata praticamente risucchiata e collegata al profilo di alcuni parrucchieri brasiliani (in realtà si vedeva solo l’home page ma non ci sono contenuti o altro), ma mi è comparsa anche una bella minaccia in portoghese da tal Delma Studiold. “Os Seu Merda. Wc vai perder sua pagina para de bancar esperto” mi ha scritto» prosegue.

Odissea Facebook

Pur avendo messo in sicurezza il denaro, non era che l’inizio di un’altra odissea. «Una delle nostre ragazze è stata praticamente in collegamento con Facebook Italia attraverso Business Meta tutto il giorno prima di riuscire a risolvere la situazione. Almeno speriamo. I responsabili hanno infatti assicurato che elimineranno tutti i collegamenti e mi rifaranno amministratore unico della Pagina Andrea Staff: ci vorrà una decina di giorni e a quel punto potremo resettare tutto quello che è stato introdotto e riprendere a utilizzarla per promuovere il nostro lavoro».

E anche la prossima inaugurazione autunnale, con un secondo salone nel cuore del vicino Borgo San Giuliano.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui