RIMINI. Un’ultima serata di negozi aperti fino a tardi, di menù speciali nei ristoranti e nei locali, di concerti e di dj set, di cultura e di appuntamenti esclusivi: domani mercoledì 28 agosto si chiude l’estate 2019 di Rimini Shopping Night, l’evento organizzato dal comitato di commercianti Centopercentro che ogni mercoledì sera ha animato le vie del centro storico di Rimini.
L’appuntamento conclusivo di Rimini Shopping Night sarà insieme una prima e ultima chanche: una occasione per andare a caccia degli ultimi saldi, con i negozi pronti a offerte ancora più vantaggiose, mentre le vetrine presenteranno già i prodotti delle nuove collezioni dedicate all’autunno e all’inverno.

“Non possiamo che essere soddisfatti della Rimini Shopping Night di questa estate- spiega Katia Damiani, referente del comitato Centopercentro-: ci sono stati mercoledì sera in cui il Centro storico era pieno come un sabato pomeriggio d’inverno, e tantissimi dei visitatori erano turisti che hanno colto l’occasione dei negozi aperti per conoscere meglio la nostra città e i suoi monumenti. Abbiamo dimostrato che il Centro può contribuire pienamente all’offerta turistica della nostra città, 12 mesi all’anno: non per caso Rimini Shopping Night ha promosso, con le vetrine a tema, eventi di grande richiamo per la città come la Notte Rosa e l’UlisseFest di Lonely Planet”.

Quella di questa estate, che ha preso il via il 28 giugno, è stata senza dubbio l’edizione record di Rimini Shopping Night, tanto per numero di serate, in tutto dieci, quanto per la quantità di attività coinvolte: 177 in totale, in più di 20 vie e piazze tra Centro, Borgo San Giovanni e Borgo San Giuliano. Un impegno che è stato decisamente ripagato: ogni mercoledì sera migliaia di persone, tra riminesi e turisti, hanno invaso le vie del centro alla ricerca di qualche offerta o semplicemente per godersi il clima di festa. Un successo che nasce sicuramente dalla capacità di fare sistema tra le attività commerciali, ma che è stato possibile grazie anche all’impegno di tantissime realtà: dall’ormai tradizionale mercatino dei bambini in piazza Cavour alla presenza di artisti di strada in tanti angoli del Centro, dalle scuole di ballo in piazza Tre Martiri all’apertura gratuita dei Musei Comunali, della Domus del Chirurgo e della mostra Revolutions a Castel Sismondo fino agli operatori del Mercato Coperto che con la loro Magnèda hanno creato un evento nell’evento.

Argomenti:

commercio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *