RIMINI. Dal 2014 al 2019 sono state 704 in tutto le sanzioni fatte dalla Polizia Locale, su rapporto delle Guardie Ecologiche Volontarie, sul corretto conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini. Numeri in crescita se si pensa che erano 86 le violazioni elevate nel 2018 e 121 quelle del  2019. La contestazione del verbale prevede una sanzione di 104 euro per chiunque viene sorpreso – o anche scoperto successivamente con attività d’indagine –  nell’abbandono irregolare dei rifiuti.  E in questi giorni l’amministrazione comunale ha riaffidato il servizio di controllo sul corretto conferimento dei rifiuti da parte degli utenti e sul corretto funzionamento del servizio di gestione dei rifiuti urbani,  al Corpo delle Guardie Ecologiche Volontarie – G.E.V. della provincia di Rimini. L’attività di controllo per il corretto conferimento dei rifiuti, che dovrà coprire tutto il territorio comunale, comprende fra le altre cose anche: la verifica dei sacchetti contenenti rifiuti; la verifica dei rifiuti abbandonati esternamente ai cassonetti stradali; l’assunzione d’informazioni e le indagini, volte all’identificazione del colpevole per il successivo sanzionamento da parte della Polizia Locale; l’effettiva compatibilità del rifiuto con la scelta del contenitore; i controlli sulle attività produttive, commerciali o di servizi che hanno fatto domanda per la riduzione tariffaria.

Argomenti:

controlli

rifiuti

rimini

sanzioni

1 commento

  1. Leggendo questo articolo, a Rimimi hanno fatto 700 contravvenzioni per i rifiuti lasciati in strada.
    Un fenomeno che sembra aumentare e che non si ferma.
    Cosi Rimimi, ma altre città romagnole hanno lo stesso problema, così è anche Cesena, la mia città.
    Questi problemi devono assolutamente risolverli, questo sta ai responsabili dell’Hera e della Polizia Municipale, riuscire a effettuare dei controlli mirati e anche controllare il perché molta gente non ha ancora i bidoncini dell’umido e dell’indiferenziata.
    Sono sicuro che se vi è il giusto intento delle autorità competenti, questo fenomeno andrà (forse) a diminuire, visto considerato che la gente, non smette e il vizio e sempre presente nelle persone che trasgrediscono.
    Anche nella mia zona della Valle dell’oca, dove abito, tra Via Aldini e via Verdoni, il fenomeno e evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *