Rimini ricorda le stragi impunite – Gallery

Si è svolta questa mattina nel piazzale interno delle Officine Grandi Riparazioni di Rimini la sentita commemorazione per il 42° Anniversario della Strage alla Stazione di Bologna e dei treni “Italicus” e “904”.

Un momento importante per rinnovare ancora una volta il ricordo,  insieme a tutti i ferrovieri di Rimini, delle 85 persone – provenienti da 50 città diverse, italiane e straniere – drammaticamente scomparse in uno degli attentai più vili e tragici della storia italiana. Un’occasione anche per ricordare la vittima riminese dell’attentato, la studentessa Flavia Casadei che quel sabato stava viaggiando verso Brescia, dove l’aspettava uno zio. A causa di un ritardo aveva perso la coincidenza e stava aspettando il treno successivo. Flavia aveva 18 anni e frequentava la IV^ “E” del Liceo Serpieri. Per lei in particolare erano presenti alla cerimonia il fratello Claudio e il suo professore del Liceo Serpieri, Renato Di Nubila, che sono intervenuti per condividere commoventi ricordi legati a Flavia.

Alla cerimonia, organizzata dalle O.G.R. di Rimini erano presenti anche l’Assessora Roberta Frisoni per il Comune di Rimini,  l’Ing. Antonio Bernardini, Responsabile OMC Locomotive Rimini e Don Lauro Bianchi, parroco della vicina parrocchia di Cristo Re, alcuni rappresentanti della Sezione Polizia Ferroviaria di Rimini, oltre tutti gli operi delle officine. Quella del 2 agosto è una commemorazione che ogni anno avviene anche con la doppia partecipazione alle cerimonie di Rimini e Bologna, che per quest’occasione  si uniscono nel ricordo. Nello stesso momento a Bologna infatti si è svolta  la cerimonia ufficiale in Piazza Medaglie d’Oro alla Stazione Centrale, dov’era  presente anche il Gonfalone del Comune di Rimini con l’Assessora Francesca Mattei, in rappresentanza del Comune di Rimini.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui