Rimini, resistenza e violenza a pubblico ufficiale: un arresto

Prosegue da parte della Questura di Rimini l’attività di prevenzione e controllo del territorio volta al controllo della “movida” e delle zone critiche della città. Ieri è stato predisposto un servizio interforze che ha coinvolto la Polizia di Stato – anche con la presenza degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Bologna e di una unità cinofila antidroga – l’Arma dei Carabinieri, la Guardia di Finanza e la Polizia Locale.

La capillare attività di monitoraggio e controllo ha consentito di portare all’ arresto di una persona (per il reato di resistenza e violenza a pubblico ufficiale) ed alla denuncia in stato di libertà 5 persone.

Inoltre 17 sono stati i posti di controllo effettuati, nel corso dei quali sono state identificate 400 persone, controllati 152 veicoli ed elevate 59 contravvenzioni al Codice della Strada. Le persone denunciate si sono rese responsabili dei reati di inottemperanza al provvedimento del foglio di via obbligatorio, irregolarità sul territorio nazionale, guida in stato di ebbrezza, oltraggio a Pubblico Ufficiale e rifiuto di indicazione delle proprie generalità. Sono state 7 le patenti di guida ritirate.

L’attività straordinaria di controllo, questa volta, si è concentrata principalmente nella zona della Stazione Ferroviaria e del Lungomare Sud, da Piazzale Marvelli fino al confine con Riccione, con particolare attenzione ai parchi ed alle aree verdi della città.

Numerosi sono stati i controlli delle strutture ricettive, degli esercizi commerciali (minimarket) e locali di ritrovo al fine di verificare il rispetto delle norme in materia di sicurezza, di inquinamento acustico, di somministrazione di bevande alcoliche ai minori nonché il regolare impiego del personale dipendente.

Presso la Stazione Ferroviaria di Rimini gli operatori della Polizia Ferroviaria hanno vigilato sull’intera area controllando l’arrivo dei treni che portano a Rimini, alcuni gruppi di giovani del “popolo della notte”, destinati ad affollare i locali notturni.

Particolarmente incisiva è stata l’attività della Polizia Stradale che, approntando una serie di posti di blocco sulle principali arterie stradali, ha proceduto al controllo di numerosi veicoli, contestando diverse sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada: 56 sono state le infrazioni contestate e, come già riportato, 7 le patenti di guida ritirate e 6 le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui