Rimini, premiati gli “alfieri” degli scacchi

Sono stati il giovanissimo aspirante maestro di scacchi Wiliam Pecci e il veterano maestro Mario Voltolini, i due “alfieri” riminesi, che il 22 novembre, si sono aggiudicati rispettivamente il quarto e il terzo posto nel torneo internazionale di scacchi organizzato dalla città russa di Soci.

L’evento sportivo, che si è svolto esclusivamente on line, in una modalità cosiddetta “lampo” – ovvero con 5 minuti di tempo di riflessione, più 3 secondi di abbuono per mossa – è iniziato alle ore 12 di domenica (ore 10 per la Russia) ed è terminato nel pomeriggio. Il torneo internazionale, che ha coinvolto 90 giocatori appartenenti a 7 paesi differenti, di altrettante città – tutte gemellate con Soci – ha visto il coinvolgimento dell’associazione “Dopolavoro Ferroviario” a cui appartengono i due scacchisti riminesi.

Il 18 enne apprendista maestro Wiliam e il veterano maestro Mario, sono stati ricevuti ieri pomeriggio nella sala della giunta dall’assessore Roberta Frisoni che li ha ringraziati per aver tenuto alto il nome della propria città e si è complimentata per il risultato raggiunto. Un momento di gratitudine, alla presenza anche del presidente dell’associazione Dlf, Roberto Giovannini, nel quale è stato consegnato ai due scacchisti l’attesto di partecipazione al torneo – spedito dalla cittadina Russa – e una felpa con il nome della loro città. Un segno di riconoscenza meritato se si pensa che, nelle fasi di qualificazione, entrambi i giocatori riminesi avevo battuto lo scacchista russo risultato vincitore del torneo.

Ricordiamo che alla città di Soci sono gemellate, oltre a Rimini, altre 11 città e che Rimini ha sottoscritto il patto di gemellaggio con la città Russa, affacciata sul Mar Nero, nel 1977.  

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui