Rimini, passi in avanti per la piscina a Viserba

RIMINI. Una zona piscina composta da tre vasche, una per il nuoto e due per le altre attività di acqua fitness e di avviamento al nuoto, e 18mila metri quadrati tra aree verdi attrezzate con giochi e dotazioni per lo sport, aree sgambamento cani, percorsi pedonali e parcheggio permeabile “green”.  Sono alcune delle caratteristiche del progetto della nuova piscina comunale prevista a Viserba e presentata ieri in II Commissione consiliare, che ha visto la partecipazione anche di esponenti dello sport e in particolare del nuoto cittadino, con Rodolfo Zavatta (segretario Coni provinciale) Eros Montemaggi (delegato Fin provincia di Rimini), Giorgio Gori e Lino Celli, rappresentanti delle società del nuoto di Rimini e il campione italiano di nuoto Simone Sabbioni. Presente anche il mondo della scuola, con la preside del liceo Valgimigli a rappresentare il polo scolastico di Viserba, il più importante della Romagna con circa 15mila studenti.  

Una nuova occasione di confronto, a cui ne seguiranno altre nel corso delle settimane, per spiegare il percorso e il progetto che porteranno la città di Rimini a dotarsi di un impianto polifunzionale e all’avanguardia, posizionato in un’area strategica della città sia per il potenziale di utenti che potrà raggiungere, sia perché va ad arricchire il comparto nord di un importante polo dedicato all’acqua, che si integrerà con i servizi e le strutture per lo sport già presenti.  

Il progetto della nuova piscina prevede la realizzazione dell’impianto al Parco don Bello, area a monte della via Sacramora, poco distante dal Centro Studi. Come già anticipato, l’area piscine sarà composta da tre vasche (una vasca principale da dieci corsie da 25 metri di due metri di profondità, due vasche con profondità variabile da 1,20 a 1,50 per attività di acqua fitness e avviamento al nuoto ragazzi). Sono previste inoltre aree comuni per l’ingresso e i servizi per l’utenza ed il personale, oltre ad altre aree e spazi esterni per funzioni collaterali.  

Il progetto però non si limita alla sola struttura, ma comprende un’attenzione al contesto urbano in cui la piscina andrà a funzionare, rafforzando la propria vocazione a luogo di incontro, svago e attività fisica in piena sicurezza. L’ampia area a verde infatti sarà oggetto di un progetto di riqualificazione e implementazione rispetto al parco attuale, valorizzando il parco nella sua interezza. Nello specifico si prevede un percorso ciclopedonale ad anello che collegherà le diverse funzioni presenti nel parco, l’inserimento di un’area gioco attrezzata per i più piccoli, una zona di ‘sosta’ dotata di sedute, un’area dedicata al fitness che dialogherà con l’interno della piscina.  E ancora sono previste due aree di sgambamento cani (contro la sola area presente attualmente) e, a servizio degli utenti della piscina e dei cittadini, sarà a disposizione un parcheggio permeabile, quindi realizzato per essere funzionale, restando sostenibile, “green” e integrati nell’ambiente circostante.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui