Rimini. Partito il processo in videoconferenza a Giulio Lolli

E’ iniziata nell’aula Falcone-Borsellino del tribunale di Rimini, l’udienza che vede sul banco degli imputati, per la prima volta in carne ed ossa in un’aula di giustizia italiana, Giulio Lolli, l’imprenditore bolognese tornato in Italia dopo una lunga detenzione in Libia. L’ex patron della Rimini Yacht sta rispondendo alle domande del pubblico ministero Davide Ercolani, dal penitenziario di Rossano Calabro in videoconferenza. E’ detenuto in un carcere di massima sicurezza perché accusato di terrorismo internazionale dalla procura di Roma che ne ha disposto l’arresto dopo l’espulsione dalla Libia. A Rimini, invece, deve rispondere della lunga serie di truffe legate alla compravendita di yacht di lusso.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui