Rimini, parchi chiusi e controlli sul lungomare

Il forte aumento di casi di coronavirus allarma il sindaco Andrea Gnassi, che infatti opta per la chiusura dei parchi pubblici e per controlli a tappeto sul lungomare per evitare assembramenti. Ci sono “comportamenti straordinariamente belli e forti” da parte di privati cittadini e imprese, ma anche, stigmatizza il sindaco, “comportamenti irresponsabili”. “Ci sono le condizioni per gestire l’emergenza sanitaria”, non ha dubbi Gnassi, ma “dipende dai nostri comportamenti”.Ora, annuncia, “vieteremo di andare nei parchi, troppa gente si è riversata a fare una passeggiata”, e ci saranno controlli della Protezione civile e delle forze dell’ordine sul lungomare.

RispondiInoltra

Commenti

  1. Dieci e lode a tutta la giunta del comune di Rimini e del sindaco Gnassi.E’ giusto che ci doveva essere ancora di più regole rigide per il bene di tutti.Il nostro sindaco merita elogi di avere preso questo provvedimento rigido in casa.E’ un momento di stare in famiglia godersi la casa.Grazie al comune di Rimini.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui