Rimini, parcheggio piazzale Marvelli: via libera della giunta

Con il via libera dalla Giunta comunale al progetto definitivo, avanza l’iter per la realizzazione del nuovo parcheggio interrato “Tripoli”, infrastruttura strategica per implementare la dotazione di sosta a servizio del Parco del Mare di Rimini sud.  

Il nuovo parcheggio – che prevede un investimento di circa 12,6 milioni di euro – nascerà sul sedime di piazzale Marvelli, già oggi allestito in via temporanea per la sosta e sarà sviluppato su due livelli interrati per una capienza di 330 posti auto. A questi si aggiungeranno ulteriori 43 stalli realizzati sul piano stradale (di cui parte dedicati anche alla ricarica di auto elettriche e per portatori di handicap), per un’offerta di sosta complessiva di 373 posti. 

In parallelo l’amministrazione sta procedendo con la progettazione dell’allestimento di tutta la piazza, al centro di un innovativo progetto di arredo urbano che oltre a permettere l’integrazione dell’opera con le linee architettoniche e paesaggistiche del Parco del Mare, permetterà di ottimizzare la funzionalità dell’infrastruttura, attraverso la realizzazione di un ampio spazio dedicato alla sosta delle moto e garantendo continuità ai percorsi pedonali e ciclabili già realizzati. Un modo quindi per rispondere alle esigenze di accessibilità alla fascia turistica, creando continuità con la riqualificazione urbana e ambientale del Parco del Mare. 

Con l’approvazione del progetto definitivo del parcheggio interrato si potrà quindi procedere all’avvio della procedura di gara, per affidare i lavori entro la fine dell’anno. In fase di gara saranno valutate anche integrazioni nella fase di progettazione esecutiva dell’opera, in particolare per quanto riguarda l’ottimizzazione del sistema di accesso (lato nord) e uscita (lato sud) dal parcheggio, in connessione con la nuova rotatoria che sarà realizzata tra viale Tripoli e i viali delle Regine. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui