RIMINI. Rapina impropria, lesioni aggravate, indebito utilizzo di carte di credito. Sono i reati contestati da personale delle Volanti ad un 32enne originario del cosentino, arrestato dagli agenti ieri notte mentre cercava di lasciare un locale della vecchia Pescheria dove aveva cercato di pagare una consumazione con una delle diverse carte di credito rubate in suo possesso. Per guadagnare la fuga, il calabrese, con alle spalle una lunga serie di condanne anche per violenza sessuale, ha aggredito un dipendente del locale. 

Argomenti:

polizia

questura

rapina

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *