Rimini, oltre 50 iscritti al corso per maestro di vela solidale

Sono oltre 50, provenienti da tutta Italia, i partecipanti al corso di formazione Maestro di Vela Solidale che si terrà a Rimini dal 25 al 27 marzo organizzato da Unione Italiana Vela Solidale (UVS), l’associazione di promozione sociale che dal 2003 riunisce le principali organizzazioni italiane che, attraverso la navigazione a vela, realizzano progetti di educazione, riabilitazione, inclusione sociale, contrasto alle devianze minorili. Il corso sarà ospitato da Marinando Odv, associazione riminese dell’UVS. 

«Il Maestro di vela solidale unisce le competenze nautiche alla capacità di accogliere e di rispondere alle esigenze di equipaggi diversamente abili o fragili.  Dal 2012 Unione Italiana Vela Solidale organizza regolarmente corsi per formare Maestri di vela solidale e quest’anno, dopo due anni di sosta forzata, riprende il percorso formativo che avrà al centro anche le conseguenze delle pandemia.

A Rimini, i futuri Maestri di vela solidale si formeranno all’accoglienza e alla gestione a bordo di equipaggi composti da persone con disabilità intellettivo-relazionali, disabilità motorie, disabilità sensoriali (non vedenti/ipovedenti) ma anche di equipaggi composti da persone con dipendenze, minori affidati alla giustizia minorile, a rischio devianza o in abbandono scolastico. 

Enzo Pastore con le scuole al porto

Dopo l’introduzione ai principi e alle metodologie dell’Unione Italiana Vela Solidale si apriranno le lezioni tenute da docenti esperti delle varie aree: Simona Marchetti, presidente di Crescere Insieme illustrerà le buone pratiche per navigare con persone con Sindrome di Down, Pierdomenico Mini, dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Rimini parlerà di navigazione con non vedenti e ipovedenti; Enzo Pastore di Marinandoe Sante Ghirardi di Marinando Ravenna, terranno una lezione teorico-pratica sull’imbarco e la navigazione con persone con disabilità motoria; alle diverse tipologie di autismo e alla relazione con le persone affette da questa sindrome sarà dedicato l’intervento di Enrico Maria Fantaguzzi, presidente di Link@autmentre Carolina Casciani, Ministero della Giustizia – Dipartimento Giustizia Minorile, spiegherà le regole del nostro sistema della giustizia minorile e le opportunità per la riqualificazione e la riabilitazione anche attraverso progetti di vela.  Di dipendenze e del loro effetto sul comportamento degli adolescenti e dei giovani parlerà Giorgia Bondi dell’Ausl Rimini.

«Le associazioni UVS in due decenni hanno fatto navigare migliaia di persone, oltre 120 mila. Abbiamo imparato sul campo che essere buoni marinai è necessario, ma non è sufficiente per navigare con diversamente abili, con minori a rischio o con le scuole. Il percorso formativo di Maestro di vela solidale comincia con un corso base come quello che si terrà a Rimini, ma la formazione è continua sia a bordo sia a terra perché le esigenze delle persone che accogliamo a bordo delle nostre barche sono in continua evoluzione. A nuovi bisogni dobbiamo dare nuove risposte per rendere l’avventura del mare e del navigare insieme un’esperienza di cambiamento e di rinascita per tutti, maestri e allievi.»

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui