Rimini. Nuova Statale 16, si entra nella fase degli espropri

È ormai la “madre” delle grandi opere, la nuova Statale 16 che corre (fra le polemiche) da Bellaria Igea Marina a Misano Adriatico: 28 chilometri di tracciato e 700 milioni di spesa.

Alla fine di luglio Confagricoltura Rimini aveva lanciato l’allarme: «Anas ha informato le aziende interessate dell’avvio del procedimento per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio».

Bene. In questi giorni i diretti interessati stanno ricevendo le famose letterine inviate dall’Anas con le quali vengono informati che saranno interessati dalle procedure di esproprio. Si tratta di un atto propedeutico alla definizione dell’iter progettuale che nelle prossime settimane diventerà protagonista della Conferenza dei servizi alla quale parteciperanno in primis Anas e Comune.

La “grande opera”

L’intervento complessivo riguarda la realizzazione di una variante alla Statale 16 tra Bellaria e Misano Adriatico, dello sviluppo complessivo di circa 28 chilometri. Un primo stralcio è inserito nel vigente Contratto di programma 2016 -2020 stipulato tra l’Anas e il ministero delle infrastrutture e dei trasporti. L’intervento complessivo ha acquisito la compatibilità ambientale successiva alla procedura di Valutazione di impatto ambientale ministeriale.

Attualmente è in corso il completamento del progetto definitivo del primo lotto, unitamente a una campagna di indagini geognostiche, per poter completare l’iter procedurale e approvativo. Seguirà quindi la fase di progettazione esecutiva, con il relativo iter di approvazione e quindi la gara per l’appalto dei lavori. Si stima un costo di 700 milioni per l’intera variante. Il primo lotto misura 6,1 chilometri, il secondo 7,1, il terzo 7,7 e il quarto 7,2.

Il confronto

In particolare i rappresentanti delle aziende agricole sono preoccupati perché la nuova Statale taglia in due un certo numero di terreni agricoli, in particolare all’innesto con la Statale Emilia.

In quest’ottica chi vorrà manifestare le proprie osservazioni direttamente all’amministrazione comunale, il 7 settembre, negli spazi della scuola Rodari in via Quintino Quagliati, alle ore 20,30, è previsto un incontro pubblico al quale parteciperà il sindaco Jamil Sadegholvaad.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui