Rimini, non sa a memoria i versi del Corano: il padre lo frusta

È ufficialmente iniziato il processo a carico del 46enne senegalese che prendeva a frustate il figlio come punizione per non aver imparato a memoria i versi del Corano.

Ieri mattina l’uomo è comparso per la prima volta di fronte al giudice del tribunale di Rimini. Si è trattato, tuttavia, di un’udienza interlocutoria, fissando a giugno 2023 i prossimi step processuali. All’inizio della prossima estate verranno ascoltate la mamma del ragazzino, ora 14enne, la psicologa dell’ospedale a cui si è rivolto dopo la denuncia, e la psicologa che ha assistito alle dichiarazioni fatte dal bambino.

I fatti

Dal 2012 al 2020 il senegalese ha preso a frustate il figlioletto, affetto anche da una malformazione congenita, con i cavi del caricabatteria o le fascette usate per legare i cavi. Il piccolo, infatti, non riuscire a imparare a memoria i versi del Corano in arabo, lingua non parlata in casa e che per questo non era in grado di capire. Atti violenti che il padre giustificava con la moglie e il figlio ricordando come la sua mamma lo picchiasse a sua volta con un bastone. «Lasciava il segno sul corpo – diceva il padre – che andava via, ma in testa rimaneva ed io imparavo». Metodi educativi che per la legge italiana sono considerati però maltrattamenti in famiglia.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui