Il neonato, primo figlio di una coppia riminese, morì in ospedale il giorno dopo il parto. A distanza di più di tredici anni dalla tragedia il tribunale civile di Rimini, in primo grado, ha condannato l’Ausl Romagna a risarcire i genitori con la somma complessiva di circa settecentomila euro.
Alla base della decisione del giudice Giorgia Bertozzi Bonetti di accogliere il ricorso dei genitori, assistiti dall’avvocato Marco De Pascale, ci sono le perizie medico-legali che hanno sottolineato un ritardo nella programmazione del taglio cesareo e una serie di successive presunte negligenze che – se evitate – avrebbero potuto salvare la vita del piccolo.

Argomenti:

ausl condannata

MUORE

neonato

risarcimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *