RIMINI. Combatte da tempo contro l’esercito dei “no vax”, da quando grazie a una legge la copertura sanitaria è stata resa obbligatoria per l’accesso a scuola. Ora Mattia Morolli, assessore alla pubblica istruzione, lo dice subito: appena sarà pronto, se mi chiameranno, il vaccino per proteggermi dal Covid lo farò subito. Un messaggio molto chiaro dedicato ai genitori “negazionisti” che nonostante casi di positività in famiglia mandano i figli a scuola, oppure dicono no al tampone.

“Se a gennaio venissi chiamato per la vaccinazione con il vaccino della Pfizer o altra realtà farmaceutica – ha scritto Morolli sulla sua pagina Facebook – non avrei nessun dubbio e sarei molto contento di farmi vaccinare. E non perché sono incosciente o inconsapevole, esattamente per il motivo opposto: ho fiducia in chi ha studiato il vaccino, e soprattutto, ho fiducia nella medicina. Perché la conoscenza libera dalla paura dell’ignoto. Quindi non ascoltate chi insinua dubbi sui vaccini: la scienza non accetta scorciatoie ed è aperta alla verifica dei dati. Ma soprattutto va portata avanti una idea sociale che la salute di ognuno è fondamentale per la salute di tutti”.

Argomenti:

covid

scuola

vaccino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *