Nell’ambito dell’attività operativa, coordinata dal comando provinciale della Guardia di finanza, i militari del Gruppo di Rimini, in sinergia con l’Inps, hanno denunciato alla procura della Repubblica un presunto povero, beneficiario di reddito di cittadinanza, risultato in realtà un milionario. Grazie alla Dea fortuna, coi conti gioco utilizzati assiduamente sia per giocare che per scommettere (poker, giochi da tavolo, scommesse sportive, tombola e bingo), è risultato infatti vincitore di 2 milioni di euro tra il 2017 e il 2020. Il tesoro è stato scoperto dalle Fiamme gialle analizzando proprio questi conti senza però trovare traccia delle vincite nella dichiarazione sostitutiva unica; cosa che ha permesso all’incallito giocatore di incassare circa 15.000 euro di reddito di cittadinanza.
L’uomo è stato così indagato per aver indebitamente percepito erogazioni a danno dello Stato. L’Inps ha bloccato l’erogazione del sussidio è già avviato le pratiche per il recupero delle somme indebitamente incassate. La Finanza ricorda che è fatto specifico divieto di utilizzo del Reddito di cittadinanza per giochi che prevedono vincite in denaro o altre utilità . La perdita dei requisiti si verifica anche nel caso di acquisizione di somme o valori superiori a 6mila euro, a seguito di donazione, successione o vincite che vanno comunicate all’Inps entro quindici giorni.

Argomenti:

cittadinanza

denunciato

MILIONARIO

reddito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *