Rimini, “mi ha picchiato e rubato il cellulare”, ma dà false generalità: arrestati entrambi

Ieri pomeriggio il personale della Polizia di Stato di Rimini ha tratto in arresto due uomini marocchini per Rapina e Falsa Attestazione o dichiarazione a un Pubblico ufficiale sulla identità o qualità personali proprie o di altri. Poco dopo le 14, una volante della Questura di Rimini mentre effettuava un controllo in Viale Principe Amedeo, veniva fermata da un soggetto che riferiva di essere stato vittima di una rapina, indicando agli agenti l’autore poco distante da loro. I poliziotti nell’immediatezza inseguivano il soggetto indicato, bloccandolo poco dopo, rinvenendo su di esso il telefono cellulare che aveva rubato poco prima, strappandolo dalle mani dell’uomo e colpendolo con un pugno al torace.

Entrambi i soggetti venivano accompagnati in Questura ai fini di una compiuta identificazione, poiché privi di documenti ed è proprio qui che si scopriva che colui che era stato vittima della rapina aveva declinato false generaltà. In considerazione dei fatti accaduti, i soggetti venivano tratti in arresto in attesa del giudizio direttissimo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui