RIMINI. Metromare, il Consiglio di Stato ha rigettato tutti i sette ricorsi che erano stati presentati dai cittadini privati di via Serra, legati alla vicenda dei lavori fatti e relativi abbattimenti di porzioni di abitazioni per fare spazio al tracciato. Con queste sentenze si concludono quindi tutti i contenziosi legati alla realizzazione dell’opera: tra ricorsi per chi era stato escluso alla gara e gli espropriati sono state circa una novantina le impugnazioni, tutte alla fine vinte da Agenzia Mobilità, poi diventata Pmr.

La demolizione di una abitazione nel 2013

A restare in piedi è solo la richiesta di risarcimento avanzata dalla stessa Pmr nei confronti del Comune di Riccione e della sindaca Renata Tosi per gli stop al cantiere che fecero slittare di parecchio l’esecuzione dell’opera: la richiesta di Pmr è di 2 milioni di euro. 

Argomenti:

METROMARE

ricorsi

trc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *