Rimini, mancato versamento tassa soggiorno: albergatori denunciati

RIMINI. I finanzieri del comando provinciale di Rimini hanno sequestrato oltre 110.000 euro nei confronti di 8 gestori di strutture alberghiere del litorale, poiché è stato accertato a loro carico l’omesso versamento nelle casse del Comune di significativi importi di imposta di soggiorno, da loro riscossi dai turisti clienti delle loro strutture, nel periodo 2015/2019. In tale arco di tempo la legge vigente, infatti, li inquadrava quali incaricati di pubblico servizio in ordine alla riscossione del particolare tributo locale, che costituisce una parte rilevante delle entrate annuali dei comuni a più alta vocazione turistica, come il capoluogo di questa provincia. L’operazione Iside è stata una complessa prolungata attività ispettiva, contabile erariale e di polizia giudiziaria, condotta per la parte più rilevante dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria e conclusasi di recente con l’esecuzione di otto decreti di sequestro preventivo penale emessi dal Gip del Tribunale di Rimini, su richiesta della locale Procura della Repubblica, che hanno portato appunto a vincolare liquidità per 110.000 euro. In totale sono state 58 le persone segnalate all’autorità giudiziaria per il reato di peculato, in quanto è risultato che costoro, quali gestori di strutture alberghiere, dopo aver ricevuto come previsto l’imposta di soggiorno loro versata da parte degli ospiti all’atto del pagamento del corrispettivo per il pernottamento, hanno omesso di provvedere nei termini stabiliti a riversarla al Comune trattenendola per un importo complessivo accertato di circa 240mila euro.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui