Rimini, la pro loco: “Traffico e criminalità a Marina Centro”

“La Marina rinasce” si riunisce per la prima volta: al centro temi come la sicurezza, il degrado e la scarsa diversificazione dell’offerta turistica dell’area. La prima assemblea all’hotel King dell’associazione pro loco di Marina centro ha visto la partecipazione di commercianti, albergatori e ristoratori che hanno qui la propria attività, ma anche di parte dei residenti. «Non esiste più la Marina centro dei tempi d’oro: gran parte delle attività che l’avevano resa popolare – come i locali o i discobar – ha chiuso e ora il quartiere si trova ad affrontare nuove questioni e problematiche». Molte poi sono le domande legate all’evolversi dei tanti lavori che interessano Marina centro.

I «punti dolenti» che l’assemblea de “La Marina rinasce” ha individuato comprendono «la gestione del traffico e dei parcheggi, l’attività commerciale esacerbata dai troppi bazar presenti che abbassano notevolmente la qualità, la manutenzione dell’illuminazione e del verde» fino a problemi di piccola delinquenza, come scippi e furti.

«Molti di noi recentemente, anche in piena crisi pandemica – spiegano dalla pro loco -, hanno investito nella ristrutturazione della propria attività e nell’apertura di nuovi esercizi, proprio perché ancora crediamo che il quartiere possa avere l’ambizione di tornare ad essere, nell’apparenza e nella sostanza, quel salotto esclusivo faro del turismo europeo». Per farlo, però, sono necessari interventi che mirino «alla cura del quartiere, alla fluidificazione del traffico e al contrasto alla micro criminalità. Evidente l’importanza in questo caso della collaborazione e del lavoro dell’amministrazione comunale».

«Siamo anche consapevoli – commentano a proposito dal comitato – del fatto che la visione di città che ha portato alla progettazione e alla realizzazione del Parco del Mare guarda nella nostra stessa direzione: il cambiamento sia dell’offerta che della domanda turistica di tutta la città. E noi, volenti o nolenti, ne facciamo parte attiva e in quest’ottica continueremo a lavorare». Molte domande rimangono però aperte: «Quando verrà consegnato il Parco del mare? – si chiede La Marina rinasce -. Come verrà risolta per quest’estate la questione dei parcheggi e della viabilità e il conseguente inquinamento? In tema di sicurezza verrà fatto qualcosa?». Quesiti rilevanti per chi dal momento che ormai la stagione 2022 è alle porte. Sul medio termine, a preoccupare è invece la realizzazione dei nuovi parcheggi interrati in piazzale Marvelli: «Quanto durerà il cantiere? – è la prima domanda che si pone l’associazione -. Ci saranno danni ambientali? Verrà utilizzato dagli automobilisti o rimarrà semi deserto come quello di Riccione? Ancora, come quello di Riccione avrà dei costi esorbitanti di manutenzione?».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui