Rimini, la storia di Arpad Weisz in un reading di Menoventi

“Lei conosce Arpad Weisz?” di Menoventi / E Soc Coop è il reading che verrà presentato questa sera a Rimini, al Lapidario romano del Museo della Città, e che si inserisce all’interno della rassegna di eventi teatrali e musicali “Le città visibili”, a cura di Tamara Balducci e Riccardo Amadei. Interpreti della rappresentazione di oggi sono Consuelo Battiston e Leonardo Bianconi, diretti da Gianni Farina.

“Lei conosce Arpad Weisz?” è tratto dal libro “Dallo scudetto ad Auschwitz” di Matteo Marani. La storia di Weisz è tanto entusiasmante quanto tragica. Nacque a Solt, in Ungheria, e dopo una breve esperienza calcistica nel campionato italiano degli anni Venti iniziò una brillante carriera da allenatore. A soli 34 anni vinse uno scudetto con l’Ambrosiana e successivamente altri due con il Bologna. In quanto ebreo fu vittima delle leggi razziali e, nonostante avesse cercato rifugio nei Paesi Bassi, venne ugualmente arrestato e deportato, prima a Westerbork e poi ad Auschwitz, dove trovò la morte. Tutto il rammarico e la rabbia per una vita spezzata emergono nel reading, che unisce l’amore per lo sport allo sconcerto per la feroce stupidità umana, al fastidio cioè provocato dal contegno degli italiani e degli europei di fronte all’antisemitismo che si stava diffondendo nel continente. A causa del nazismo anche la famiglia di Arpad fu rovinata, come lui costretta alla fuga, mentre i figli, rigettati dalla scuola, furono privati di una lingua e degli amici.

Il reading reinventa gli ambienti e le vibrazioni di quel tempo e restituisce una storia significativa, che un silenzio di settant’anni non è riuscito a cancellare.

Lo spettacolo inizierà alle 21.30 e in caso di pioggia verrà spostato nella Sala del Giudizio del Museo della Città di Rimini.

www.lecittavisibili.com

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui