Rimini. L’incertezza del futuro, ristoratrice scrive a Conte

Severine Isabey, titolare del Mamì Bistrot di Rivabella, stretta nella morsa dell’incertezza, ha scritto questa lettera a Giuseppe Conte.

“Carissimo Presidente Giuseppe Conte

Sono Severine Isabey da Rimini e ho il cuore stretto dalla paura.

Devo poter dare ai miei ragazzi alcune piccole certezze. Non come sarà il domani,

ma come sarà il presente.

Ho 22 dipendenti, una situazione emotivamente dura per una donna di 45 anni che

ha sacrificato moltissimo del proprio patrimonio personale per salvare la propria

azienda e di chi ci lavora. Ma questo non mi ha mai fatto paura.

Voglio solo che Lei mi dica se e quando diventeremo “regione gialla”, ovvero se

posso pianificare un progetto di apertura perché è importante.

Lei non fa questo mestiere, ma io sì e sapere in anticipo se potrò aprire il mio

locale mi permetterebbe di non farmi trovare impreparata ad accogliere in totale

sicurezza i miei clienti.

Carissimo Presidente abbiamo bisogno di una carezza e di rispetto”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui