Rimini, insulta le vigilesse: paga 600 euro

Seicento euro per cancellare il reato. È la cifra ritenuta equa dal Comune per chiudere il contenzioso giudiziario tra una giovane automobilista riminese e due agenti della polizia locale, ricoperte di contumelie dalla ragazza. La Giunta comunale, infatti, così come previsto dalla legge, ha dovuto redarre un’apposita delibera di accettazione dopo aver ritenuto congruo il risarcimento e ricevuto l’ok dalla parte offesa. Trecento euro sono stati devoluti in beneficenza dalla vigilessa colpita con gli insulti sessisti più pesanti. Altri 300 euro rimarranno nella casse del Corpo. L’episodio incriminato è andato in scena il 19 ottobre del 2019

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui