Rimini, incassa da un cliente 20mila euro «per le tasse» ma non era vero

RIMINI. Un anno di reclusione. È la pena che il giudice onorario del tribunale di Rimini Antonio Pelusi ha inflitto a un ragioniere contabile riminese di cinquantaquattro anni. L’imputato – che respinge l’addebito e ricorrerà in appello (è difeso dall’avvocato Piero Venturi) – era accusato di truffa. A denunciarlo uno che all’epoca era uno dei suoi migliori clienti, un imprenditore edile. Stando all’accusa il professionista avrebbe incassato nel tempo circa ventimila euro per fare fronte a imposte che in realtà non erano dovute e a un debito con l’erario che invece non esisteva.

La vicenda risale a sette anni fa (la prescrizione è vicina). I sospetti emergono quando l’imprenditore, che fino a quel punto non nutriva sospetti sul ragioniere, si confronta con un collega che paga, per gli stessi tributi e con un giro di affari equivalente al suo, molto meno di lui. Quindi va da un commercialista per ricostruire i suoi presunti problemi con il fisco e scopre invece di non dovere niente allo Stato. Il passo successivo è la denuncia penale (l’imprenditore si è costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Aldo Pancini). Il procedimento approda in aula e il ragioniere si professa innocente: i pagamenti chiesti al cliente non erano legati al pagamento delle tasse, ma il corrispettivo di una serie di prestazioni professionali.

Delle parcelle per onorari e per ricorsi riconducibili a vicende personali dell’imprenditore, compreso un accertamento della guardia di finanza, che nulla avevano a che fare con l’impresa del cliente. Il professionista ha presentato una documentazione che alla valutazione di un perito nominato dal giudice ha lasciato però evidentemente qualche margine di ambiguità.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui