Rimini, inaugurato il nuovo reparto di Neuropsichiatria Infantile

E’ stato inaugurato oggi il nuovo reparto di Neuropsichiatria Infantile di Rimini. Negli ultimi anni si è evidenziato un rilevante incremento delle richieste di diagnosi e intervento per disturbi neuropsichici dell’età evolutiva, e ad un rapido cambiamento nella tipologia di utenti e famiglie e dei loro bisogni. In nessuna altra area della medicina si è assistito ad un aumento degli accessi ai servizi così rilevante, che in meno di dieci anni ha portato quasi al raddoppio degli utenti seguiti nei servizi di NPIA e ad una prevalenza trattata due volte superiore a quella di una delle più comuni patologie pediatriche, l’asma infantile; 4 volte superiore a quella dei servizi di salute mentale adulti; 8 volte superiore a quella dei servizi per le dipendenze patologiche; 20 volte superiore a quella dell’area psicologica dei consultori. L’analisi dell’andamento degli accessi in Pronto Soccorso e dei ricoveri con diagnosi NPI, presso i reparti di Psichiatria, Pediatria e NPI, per pazienti 0- 17 anni compiuti, realizzata a cura del Controllo di Gestione aziendale, ha confermato l’incremento per gli anni 2018- 2021.

Il nuovo reparto sarà dotato di stanze singole, un spazio adibito alle attività educative, al lavoro di gruppo e individuale, uno spazio adibito al consumo dei pasti e/o merende e una stanza dedicata ai pazienti che afferiranno in regime di DH.

La spesa complessiva dell’intervento ha totalizzato indicativamente 220.000 euro di manutenzione straordinaria e di 15.000 euro di arredi. Un aspetto estremamente rilevante è rappresentato dal potenziamento di professionisti richiesto in termini di personale infermieristico e di educatori professionali. Gli infermieri sono passati infatti da 6 a 13, mentre gli educatori professionali da 2 unità a 3. “

Le donazioni

Il progetto ha visto il coinvolgimento di più associazioni, di seguito indicate, che continuano a supportare le attività dell’Unità Operativa, grazie al volontariato e a donazioni liberali.In particolare, l’Associazione Nuovi Sguardi Onlus, nata da genitori di pazienti presi in carico presso la NPI, ha partecipato con donazioni di arredi e complementi, del valore complessivo di circa 10.000€.All’umanizzazione del reparto hanno partecipato anche l’Associazione Smoke box Rimini e l’Associazione “Svalvolati dell’Adriatico”, che continuerà ad organizzare eventi per continuare a contribuire all’allestimento delle camere di degenza.È stato realizzato anche uno spettacolo di raccolta fondi, realizzato dalla Compagnia teatrale dilettantistica i Komodos, con il supporto organizzativo dell’Associazione Nuovi sguardi presso il Teatro degli Atti di Rimini. Infine il Rimini calcio, che ha partecipato con una erogazione liberale e la donazione di 3 televisori, ha espresso la disponibilità a continuare a supportare il progetto.

Il coinvolgimento delle associazioni e dei privati porta certamente un valore aggiunto prezioso all’intervento pubblico con un supporto concreto alla realizzazione del programma, ma accresce soprattutto la visibilità del progetto, promuove la sensibilizzazione della popolazione alle psicopatologie dell’infanzia e dell’adolescenza e accresce il senso di appartenenza al nostro sistema sanitario, inteso sempre più come bene comune.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui