Rimini in zona rossa, Gnassi: “Inevitabile, troppi contagi”

RIMINI. Romagna in zona rossa da lunedì. “Una decisione estremamente sofferta, ma inevitabile”. Lo ribadisce il sindaco Andrea Gnassi, rimarcando che i numeri “parlano più di qualsiasi altra opinione”.

Infatti. “Ausl e Regione – evidenzia Gnassi – ci hanno presentato attraverso dati inequivocabili e francamente preoccupanti, la necessità di adottare il provvedimento più restrittivo per cercare di controbattere, subito e senza aspettare le analisi già vecchie del governo. Su questo bisogna essere chiari. L’indice Rt utilizzato dal governo per definire i colori delle zone è costruito a livello nazionale su dati risalenti a 10-12 giorni addietro e non su una scala subregionale, provinciale o di area vasta”.

Il quadro è preoccupante. “Vi è un aumento di contagi superiore al 60% in una sola settimana. Tutta la Romagna ha l’incremento percentuale dei casi più alto in regione insieme a Bologna e Modena. Con tali dati l’attività di tracciamento e isolamento dei nuovi casi non può reggere. Inoltre, aumentano i ricoveri, sia nei reparti ordinari, sia in terapia sub intensiva e intensiva. Tutto ciò rischia di incidere sempre più su prestazioni medico sanitarie e chirurgiche non Covid che potrebbero non essere garantite ai livelli previsti. Si registra, a fronte di una soglia critica individuata in 500 casi per 100mila abitanti su 14 giorni, una media della Romagna di 760 casi, 850 per la provincia di Rimini, con un tasso di occupazione di posti letto nelle nostre strutture ospedaliere ancora sotto controllo, ma in netta crescita. Occorre quindi agire in maniera tempestiva, con la speranza che si tratti dell’ultima stretta da affrontare”.   

La via d’uscita è rappresentata come al solito dai vaccini. “La campagna vaccinale ha bisogno di un salto radicale, e da ristori e sostegni precisi e rapidi alle imprese, alle quali non si possono più sventolare le ragioni della burocrazia. I Comuni, che sono in presa diretta con le imprese, lavoratori e famiglie, hanno avanzato proposte che vengono dal mondo reale dei problemi e dei sacrifici. Abbiamo chiesto al governo che siano rapidamente accettate”.  

Un pensiero infine agli studenti. “Nessuno prende queste decisioni a cuor leggero, soprattutto oggi, con sulle spalle il peso di un anno di restrizioni, di chiusure, di stop and go, che finiscono per logorare famiglie e attività economiche. E soprattutto, ferisce dover tenere ancora chiuse le porte di asili e scuole. Una verità dolorosa, come ci dicono i dati di oggi, è che le varianti del virus non stanno risparmiando le fasce di età più giovani, appare una decisione estrema, ma non aggirabile. Non esiste un fondo che possa risarcire i nostri bambini e i nostri ragazzi per tutta l’esperienza educativa, formativa e di vita che stanno perdendo. Occorre però essere chiari: la scuola è già da diverso tempo un’emergenza nazionale, non meno preoccupante di quella strettamente sanitaria, che coinvolge tutti, dalle istituzioni agli studenti. Oltre a rappresentare una enorme difficoltà per le famiglie nella gestione quotidiana, rinunciare alla didattica in presenza significa alimentare un impoverimento educativo, relazionale, oltre che culturale. Credo che il sistema Paese debba pensare ad un grande piano nazionale con al centro un investimento straordinario per il recupero della socialità ferita e del tessuto formativo che solo la scuola in presenza può fornire. Nei prossimi giorni ci confronteremo ancora con il mondo della scuola e delle famiglie per mettere a disposizione come Comune, appena sarà possibile e durante tutto l’anno, ulteriori azioni e progetti, valutando anche l’utilizzo di luoghi pubblici della città diffusa, che potranno aprire nuovi orizzonti e offrire inedite opportunità. Siamo stanchi, colpiti al cuore, ma non si può mollare. i prossimi mesi e l’anno in corso saranno quelli dell’uscita e della ripartenza”.   

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui