Rimini, il sindaco: “Covid, terza dose per tornare alla normalità”

RIMINI. Il sindaco Jamil Sadegholvaad spinge sulla terza dose del vaccino anti Covid, unico modo per tornare in fretta alla normalità.

Ecco l’intervento del primo cittadino. “Sono favorevole a ogni misura o intervento che sia funzionale all’aumento della copertura vaccinale collettiva e dunque al progressivo ritorno alla normalità. Per questo, allorché sarà il mio turno, mi sottoporrò alla terza dose di vaccino anti Covid. Non ho alcuna remora a dirlo né soprattutto a farlo. E lo farò per me, per i miei famigliari, per chi mi sta accanto, per la comunità riminese che ha bisogno come l’aria di uscire da questa ‘prigione pandemica’ che soffoca libertà, relazioni e economia. La terza dose è la via medica e sanitaria più efficace. Personalmente non mi convincono le soluzioni hard, adottate da qualche Stato estero, come il far pagare le cure ai non vaccinati in caso di ospedalizzazione. Il vaccino e i suoi richiami sono la parte positiva e propositiva di questa guerra che, comunque, l’Italia e gli italiani stanno combattendo con un sostanziale senso di responsabilità. Per questo chiedo ai riminesi di non mollare e di procedere convinti e sicuri alla terza dose vaccinale. I numeri ci dicono come la provincia di Rimini abbia la percentuale in regione più alta tra coloro i quali non sono ancora immunizzati. Abbiamo fatto tanto ma dobbiamo fare ancora, soprattutto nella nostra provincia. Io mi fido della scienza e della nostra sanità eccellente, in cui lavorano ormai da due anni senza sosta donne e uomini straordinari verso i quali va portato rispetto.  Sì ai vaccini, sì alla terza dose, sì al ritorno a un futuro sereno per tutta la comunità. Basta una semplice vaccinazione: è un gesto d’amore verso sé e verso gli altri”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui