Rimini, residenti del Rione Clodio in rivolta contro il Comune / Video

Traffico e inquinamento, i residenti del Rione Clodio denunciano il Comune di Rimini: “La maggior parte dei residenti del Rione Clodio non ha mai dovuto intraprendere azioni legali – si legge in una nota – oggi ci troviamo nella spiacevole situazione di dover iniziare un contenzioso contro il Comune per difendere il diritto alla salute. È l’ultima cosa che in vita nostra ci saremmo aspettati di fare.
Il Comune dovrebbe avere fra le sue principali finalità la tutela dei cittadini che amministra. In questi ormai tre anni di rapporti con l’Amministrazione Comunale abbiamo tenuto un atteggiamento “laico”, fiduciosi che, dopotutto, la viabilità di attraversamento del nostro Rione fosse temporanea, come peraltro ci veniva assicurato di volta in volta dagli assessori e come dimostrano anche i diversi comunicati stampa emanati dal Comune e scaricabili dal sito.
Alla fine, non è andata così, tutte le affermazioni degli amministratori, precedenti ed attuali, si sono rivelate solo degli espedienti per rimandare la soluzione alla viabilità (con progetti rimangiati in corso d’opera e alternative mai predisposte) per arrivare ad oggi con il Rione Clodio quale soluzione definitiva per l’attraversamento monte-mare. Il sindaco Sadegholvaad, che nel maggio 2021 ci aveva incontrato come Assessore confermando allora, con tanto di slide, il senso unico mare/monte su via Circonvallazione Occidentale, oggi ritiene che il traffico di attraversamento del Rione Clodio sia un “effetto collaterale” necessario per garantire la viabilità cittadina. Questa affermazione incredibile rivela la sua sensibilità nei nostri confronti, non tenendo conto che gli “effetti collaterali” di questa scelta impattano sulla salute e sulla sicurezza dei residenti che sono costretti a subire inquinamento acustico, da polveri sottili e pericoli quotidiani di incolumità derivanti dal flusso continuo di auto e moto che rasenta le case (che sono sfornite di marciapiedi e spesso di fittoni protettivi).
Come Comitato Residenti Rione Clodio Rimini abbiamo chiesto più volte un incontro con il sindaco che però si è sempre negato e che, da ultimo, ha risposto: “cosa vi ricevo a fare, tanto io non cambio idea”.
Per tutti questi motivi abbiamo deciso di procedere per vie legali e abbiamo nominato lo Studio Legale dell’avvocato Luigino Biagini per portare avanti la causa, nonché la società Norumore Srl di Forlì per effettuare le rilevazioni sull’inquinamento acustico e dell’aria necessarie per sostenere il giudizio che intendiamo avviare”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui