RIMINI. Da Spettatori a Protagonisti. È giunto al termine il progetto per la prevenzione del cyberbullismo e la promozione del buon uso della Rete in sicurezza, avviato con successo nei mesi scorsi nelle classi di alcuni istituti del Territorio riminese da Gruppo SGR in collaborazione con Primula Lucarelli, progettista e formatrice di comprovata esperienza.

Il corso, sostenuto da SGR nell’ambito delle iniziative svolte dal progetto SGR per la Scuola, è proseguito anche durante il periodo di sospensione della didattica in presenza, con una grande collaborazione da parte delle scuole partecipanti. Proprio grazie ad esse, a conclusione del progetto, è stato possibile raccogliere il materiale prodotto dagli studenti e realizzare un video in cui viene documentato il percorso svolto, con tecniche e materiali di volta in volta differenti.

“La nostra maggiore soddisfazione – afferma Micaela Dionigi, Presidente di Gruppo SGR – ci viene da quello che ci è stato raccontato a proposito degli studenti e del loro progressivo aprirsi, raccontarsi e maturare un maggiore rispetto per i propri compagni. L’entusiasmo che abbiamo constatato ci fa pensare che renderli ‘Protagonisti’ sia stata una scelta vincente. Perché se anche un solo ragazzo cambia atteggiamento rispetto al bullismo, per noi è un successo”. “Un ringraziamento al Corriere Romagna – scrivono gli organizzatori – per la collaborazione offerta negli appuntamenti in classe”. I giornalisti del Corriere hanno infatti dialogato in più occasioni negli studenti all’interno delle scuole proprio sul tema del bullismo.

Argomenti:

bullismo

cyberbulllismo

rimini

scuola

sgr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *