Perseguita e aggredisce l’amico con il quale condivide da anni in segreto una relazione omosessuale perché sospetta che lui voglia insediargli la moglie.
Con l’accusa di stalking e lesioni aggravate è a processo un riminese di trentasette anni, difeso dall’avvocato Matteo Paruscio. I suoi guai cominciano nel giugno 2017. L’uomo, al culmine di una serie di atti persecutori, attende il vecchio amico fuori dal lavoro, lo afferra per il bavero della giacca e lo riempie di botte.

I particolari sul Corriere Romagna in edicola

Argomenti:

botte

moglie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *