Rimini. Gelata dopo la festa, tornano i maxi canoni

RIMINI La Ragioneria dello Stato boccia l’emendamento sui canoni pertinenziali delle spiagge approvato in commissione Bilancio venerdì scorso. E il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, va su tutte le furie. “Da una parte – tuona – annunciano bazooka economici e miliardi di euro per sostenere turismo e economia colpite al cuore dalla pandemia. Dall’altra si procede con ‘bombardamenti chirurgici’ reali, per colpire e affossare un intero settore in bilico da 13 anni, quello dei pertinenziali”. La bocciatura, prosegue, “non è solo una figuraccia, non è solo una vergogna. È il segno di un disinteresse totale nei confronti di 300 imprese, migliaia di lavoratori, e interi Comuni”, alle prese con aree dismesse. Insomma uno “schiaffo a imprenditori, lavoratori, sindaci, Anci che avevano scritto e proposto l’emendamento, e uno sfregio verso i parlamentari di ogni schieramento” che lo hanno votato. E non è stata nemmeno concessa la proroga a “congelare i canoni, almeno per il tempo di riprendere la cosa. Bocciatura e basta. Un devastante blitz al solo scopo di distruggere imprese e occupazione”, ribadisce Gnassi. Giudicando “le problematiche di copertura finanziaria assurde”. È, conclude, “il colpo di grazia a chi anni fa è stato già messo nelle condizioni di non poter pagare un canone decuplicato dalla sera alla mattina e che ha già portato sull’orlo del fallimento tanti”. La speranza è che “le prossime ore portino ordine in questo provvedimento privo di qualsiasi razionalità. Chiedo ai parlamentari tutti di insistere nel convincere della necessità dell’emendamento”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui