Rimini, fotografa le bambine dei vicini e le baratta con i maniaci on line

RIMINI. Il valore aggiunto della sua “collezione” di foto? Gli scatti rubati alle figlie dei vicini di casa. Click fatti ogni qualvolta il suo obiettivo inquadrava le ragazzine girare in abiti succinti da una stanza all’altro del loro appartamento. Bambine coetanee di sua figlia.

L’accusa

Detenzione e diffusione di materiale pedopornografico e di notizie atte all’adescamento di minori. Sono gli infamanti capi d’imputazione da cui deve difendersi davanti al tribunale di Rimini, un commerciante di 45 anni, finito in un’inchiesta condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania.

L’udienza

Una vicenda che nonostante gli anni passati ha mosso i suoi primi passi in tribunale solo la settimana passata. Per un’udienza “lampo”. Nessuno dei testi citati, infatti, si è presentato, per cui il presidente è stato costretto ad aggiornare l’udienza al prossimo 15 ottobre.

I dettagli nel Corriere Romagna in edicola

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui