Rimini fa da sfondo al nuovo video di Annalisa Carelli

RIMINI. Rimini fa da sfondo al nuovo video di Annalisa Carelli a cui la cantante è profondamente legata. Dopo i singoli “Spregiudicato Intraprendente” e “Come un Angelo”, l’artista ha scelto la zona portuale come location per la sua personale versione di “Sabbie Mobili”, brano di Gianna Nannini contenuto nel suo ultimo album “Amore Gigante”.

Il videoclip, diretto da Riccardo Bernardi è stato interamente girato in città, di cui si possono ammirare varie ambientazioni, il canale della città con la vista sul ponte di Tiberio, il molo di Levante, il porto e la sua spiaggia libera. Questa ambientazione è servita per rappresentare al meglio il significato di “Sabbie Mobili”, un brano dolce e profondo che parla di un addio e il cui testo ha immediatamente colpito Annalisa. Come la prima frase “Parto… Forse non ritorno più”, nella quale la cantante rivive la sua personalità con il bisogno di viaggiare, di libertà, di ricominciare e riprovare forti emozioni con quel “forse” che non dà certezze, ma lascia comunque uno spiraglio di speranza. Il tema dell’addio si apre così a numerose interpretazioni e lascia sempre un ricordo, molto spesso connesso ad un sentimento di amore la cui presenza concreta non esiste più, ma si palesa in altre forme accompagnando e diventando l’essenza del protagonista, che lo porterà con sé conservandolo nella propria sfera emotiva.

“C’è un po’ di magia in questo, tutto ciò che viviamo farà per sempre parte di noi o ci avrà cambiati per insegnarci qualcosa.” così Annalisa parla del brano e aggiunge “Gianna Nannini per me è una delle più grandi autrici italiane; il suo forte è la comunicazione e “Sabbie Mobili” rimane uno dei brani più significativi nella sua discografia attuale”.

Lo strumento dominante presente nell’arrangiamento è il pianoforte inciso da Luca Valerani, già collaboratore di Annalisa nel precedente singolo “Come un Angelo”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui